Sarà una Giornata mondiale del donatore diversa

In anteprima gli eventi di Avis e Fiods e la nuova campagna Oms

L’emergenza Covid-19 ha rivoluzionato stili di vita e abitudini. Ha, in qualche modo, stravolto anche un anno che, per l’intero sistema sangue e, in particolare, per l’Italia, avrebbe dovuto rappresentare un appuntamento molto importante: l’organizzazione dell’evento globale per la Giornata mondiale del donatore del prossimo 14 giugno.

Seppur rimandando tutto al 2021 l’Oms non ha però rinunciato a diffondere il messaggio della necessità universale di sangue sicuro.

Ringraziare le persone che, da tempo, hanno fatto questa scelta etica, volontaria e non remunerata, sensibilizzarne altre ancora affinché siano sempre di più i donatori in Italia e nel mondo, sono solo alcuni degli obiettivi della campagna “virtuale” che, non a caso, ha come slogan Give blood and make the world a healthier place (in italiano, “Dona il sangue e rendi il mondo un posto più sano.

L’iniziativa, oltre ad essere un invito all’azione per Governi, autorità nazionali e servizi trasfusionali, punta a coinvolgere le associazioni per fornire un impatto ancor più importante alla Giornata mondiale e, soprattutto, per riconoscere lo straordinario contributo che il mondo del volontariato sta fornendo anche in questo periodo.

AVIS Nazionale, per lanciare un forte segnale di continuità e di ripresa per tutti, in collaborazione con la Fiods, ha deciso di proporre una serie di progetti che, seppur a distanza, possano contribuire a celebrare questo appuntamento.

Le iniziative si svilupperanno soprattutto sul web e daranno voce a donatori di altri Paesi, creando un vero e proprio “Fil Rouge” virtuale che unirà e abbraccerà tutto il mondo. Sono in programma numerose proposte fra cui ricette di cucina ispirate al colore rosso e la premiazione del concorso fotografico lanciato a fine 2019, al quale hanno partecipato moltissime persone.

Resta aggiornato per conoscere gli eventi in programma